giovedì 5 gennaio 2017

L'inconcludenza delle aorte©

Di Mary Blindlflowers©


Genesiidee,
tecnica mista su carta, Mary Blindflowers©



Giorni che seguono lo sfumato dei contorni,

ritmi tellurici dal vivo incredulo,

filo a tendere per gambe corte

incespicanti nel reale,

tutto sfuma come sale in acqua

nell'inconcludenza delle aorte,

solo genesiidee restano,

imperterrite, nocive

a ricordare che malgrado tutto

sono vive.



(Da Controluna©).



Puoi votare altri articoli anche in questa pagina.
Share this page


1 commento:

  1. Qui Mary si esalta nelle asimmetrie con quel suo ritmo ad organetto richiamato dall'incipit della seconda linea. Le rime e le assonanze in quella che mi piace definire "Montale femmina" si accostano e si distanziano con una sagacia tattica piacevolissima e il lettore trova giorni acrostico e contorni in clausula, corte/aorte endostico e in clausula distanziati quasi in alterna; reale/sale in clausula ed endostico vicini quasi in baciata; è la sublimazione dello sghembo e dello scabro nel distico finale col rimato simmetrico nocive / vive. E contenutisticamente...oltre la forma la nuova denuncia contro i bugiardi, gli ipocriti e gli opportunisti che non lascian traccia di sé mescolandosi e dissolvendosi come sale nel liquido insapore degli omologati al potere in spregio ai granuli granitici dei non allineati le cui idee esplodono originalità, temerarietá e aggressivitá a istoriarne l'inestinguibile vivezza.

    RispondiElimina

Inserisci commento