martedì 1 novembre 2016

Halloween in U.K. e in Italia tra satanismo e false credenze©

Di Mary Blindflowers©

Foto Mary Blindflowers©



Halloween in Inghilterra è vissuto molto diversamente che in Italia, perché in U.K. è una festa molto sentita, gli inglesi riescono ad essere serissimi con la faccia pitturata da zombies, mentre ti servono alla cassa di un supermercato oppure vestiti da streghe e stregoni mentre ti fanno il caffé al bar, e se li guardi più di qualche secondo perché ti sembrano curiosi si stupiscono, sembrano chiedersi perché mi fissa, io sono così normale...
Del resto per un italiano abituato all'etica dell'apparenza e dell'abito perfetto, sarebbe impensabile recarsi al supermercato in pigiama, mentre gli inglesi lo fanno spesso e senza alcun problema.
In Italia Halloween è solo una moda importata e pure di seconda mano dagli americani che l'hanno presa dagli inglesi. 
A me piace l'atmosfera di Halloween qui in Inghilterra, mi piace vedere la sera la gente per strada vestita da fantasma o da scheletro, non ci trovo niente di satanico, anzi... Sulla campagna inglese proprio la sera di Halloween quest'anno è calata una leggera nebbiolina che ha creato un'atmosfera in perfetta sintonia con la festa. Così ho visto sbucare dalla nebbia mantelle lilithiane e visi truccati da morti in assoluta naturalezza.
Mi piace anche il rapporto molto meno teso che gli inglesi hanno con la morte.
Per loro è naturale avere i cimiteri, molto meno sfarzosi dei nostri, vicino alle case dove abitano. In certe zone addirittura davanti. In pratica esci di casa e ti trovi dentro il cimitero. Non ci trovano niente di orribile in questo, non si toccano gli attributi se vedono una cassa da morto. La tombe sono generalmente di pietra, semplici, con pochi fiori a terra, senza foto, molto simili le une alle altre.
In Italia la morte sembra una gara fra vivi, un gioco fra chi ha il parente dalla tomba più grande, più sfarzosa, coi portalumi d'ottone, il marmo di tutti i colori, la cappelletta, la foto a colori, le decorazioni in oro, le enormi corone dei parenti con su scritto in bella vista il loro nome, in modo che tutti i vivi lo vedano, gli annunci mortuari sui giornali e il cibo che ancora in molte regioni si mette sul davanzale della finestra per i morti, un'usanza pagana che la Chiesa cattolica non ha potuto eliminare, trasformandola in un comodo sincretismo di cui ho parlato nel mio saggio Ichnussa a proposito della Sardegna:


I sardi, specialmente nei piccoli centri, e la Sardegna è composta prevalentemente da questi ultimi, sono spesso superstiziosi e consentono con la loro ingenua e pavida fede in miti, riti magici e predizioni oniriche, la sopravvivenza di usanze pagane assimilate dalla chiesa come sincretismi. Basta pensare all'usanza di lasciare la notte del 2 novembre per “sa chena ‘e sos mortos1, la tavola imbandita senza coltelli e forchette2 ma con i piatti pieni di cibo e i bicchiere colmi di acqua o vino per i propri morti che si pensa ritornino ed abbiano bisogno di mangiare; oppure alla credenza che la salute di una persona possa essere compromessa da sguardi invidiosi, capaci di nuocere, contro i quali esistono dei rimedi ritenuti infallibili: sa mejghina de s'oiu, la medicina dell'occhio, la cui formula, conosciuta soltanto da poche elette e conservata gelosamente, consente di scacciare il malocchio grazie anche alla recitazione di certe preghiere.
E che dire delle preghiere di certe donne, orassionaglias, vecchie barbaricine, ogliastrine o della baronia, che, assieme alle invocazioni cristiane, pronunciano delle formule di rito di chiara matrice pagana rivolgendosi alla luna e al sole per scacciare il malocchio, ritrovare gli oggetti smarriti, guarire un infermo o liberare qualcuno da uno spavento?3.
L’avvento del Cristianesimo, che si è sovrapposto alla religione primitiva, non è riuscito ad eliminare l’intima comunione tra l’uomo e la natura.
La religione cristiana, non potendole stroncare, ha tollerato certe forme di magia superstiziosa e di riti pagani assimilandole con un processo sincretistico e rendendole compatibili con l’ortodossia e la “Verità rivelata”4.



Quando la chiesa cattolica dall'alto del suo pulpito dorato e non innocente, tuona contro Halloween definendola una festa pagana e satanica, dovrebbe ricordarsi dei sincretismi, dovrebbe ricordarsi delle tombe monumentali che nei cimiteri italiani segnano la separazione tra ricchi e poveri anche dopo la morte, dovrebbe ricordarsi che forse ori, marmi, ottoni per ricordare sono il frutto bacato di una società diabolica in cui si perde il messaggio polvere alla polvere terra alla terra, dalla terra siamo nati alla terra ritorniamo.



1 La cena dei morti.
2 Gli oggetti acuminati hanno una valenza magico-apotropaica. La tradizione dice che i coltelli e le forchette avrebbero il potere di allontanare le anime dei defunti che non potrebbero partecipare al banchetto. Vedi a tal proposito S. Masala, Nule, aspetti di vita e cultura popolare, Pro Loco, Nule, 1993, p. 63.
3 Vedi D. Turchi, Leggende e racconti popolari della Sardegna, Newton Compton Editori, Roma, 1986, p. 10.

4 S. Masala, Nule, aspetti di vita e cultura popolare, cit., p. 46.

Puoi votare altri articoli anche in questa pagina.
Share this page


Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci commento