giovedì 17 novembre 2016

Bob Dylan come Sartre? Non diciamo sciocchezze!©

Di Mary Blindflowers©





Scriveva Sartre nel 1964: “O uno accetta il premio e con i soldi può supportare quelle organizzazioni e quei movimenti che considera importanti — e i miei pensieri vanno al comitato londinese contro l’Apartheid. Oppure uno rifiuta il premio sulla base di prodigi principi, e in questo modo priva quei movimenti di tutto il supporto di cui necessitano disperatamente. Ma credo che questo sia un falso problema. Ovviamente rinuncio alle 250 mila corone svedesi perché non desidero essere istituzionalizzato né a Est né a Ovest.

D’altra parte a una persona non può essere chiesto di rinunciare, per 250 mila corone, a quei principi che non sono solo suoi, ma sono condivisi da tutti i suoi compagni. Questo è ciò che ha reso così doloroso per me sia l’assegnazione del premio che il rifiuto che ora sono obbligato a fare”.

Rifiuto totale del premio Nobel che trasforma gli scrittori in istituzioni. Scriveva infatti sempre nel 1964 in una lettera indirizzata alla stampa svedese (e pubblicata anche in francese su Il Monde e in inglese sulla New York Review Of Books): “Lo scrittore che accetta un’onorificenza di questo tipo coinvolge non solo se stesso, ma anche l’associazione o l’istituzione che lo stanno onorando […] Lo scrittore deve perciò rifiutarsi di essere trasformato in un’istituzione, anche se questo dovesse avvenire nelle circostanze più onorevoli, come sembra essere questo caso”.



Bob Dylan ha fatto sapere ai parrucconi svedesi che è "molto onorato del premio", che riconosce il valore poetico della sua produzione, ma che non potrà ritirare il premio di persona per precedenti impegni.

Bene, decisione sensata, quella che ci ci aspettava da lui.

E già titoli altisonanti su web: Dylan come Sartre.

A parte la differenza qualitativa tra i testi di Sartre e quelli di Dylan, su cui discutere mi sembra assolutamente superfluo, mi sorge spontanea una domanda. E Dylan ha rinunciato anche alle 750 mila sterline del premio? Non mi pare proprio...
Particolare da non trascurare...
In una intervista esclusiva al Daily Telegraph, Dylan ha affermato che la notizia del Nobel è "difficile da credere, emozionante e incredibile".
Non si è scansato. Nessuna rivoluzione dunque da parte del cantautore che ha suonato pure davanti a Papa Giovanni Paolo II e che, nonostante questo, viene definito "eretico" non si sa bene a quale titolo... Nessuno scandalo. Tutto previsto. Dylan non è come Sartre. Il cantautore ama il potere. Si tranquillizzi dunque chi paragona scioccamente il cantante a Sartre, nemico dei premi per antonomasia e vero socialista.
Insomma. Si dice che l'argent fait la guerre, ma dipende dalla guerra di cui stiamo parlando...
Dylan ha strategicamente scelto di non presenziare, per accontentare i fans “alternativi” che si aspettano da lui un gesto fuori dalle righe. Ma la vera rivoluzione sarebbe stata rifiutare il premio in toto, soldi compresi, esattamente come fece Sartre. Il resto è solo apparenza mediatica e comunque un ni che convince poco. 
Detto papale Bob Dylan ha accettato comunque il premio di cui si sente onorato, soldi compresi, il fatto che non presenzi è solo fumo negli occhi, tra l'altro anche ipotizzato da molti per una prevedibilità da istituzione...
Un vero alternativo non bacia la mano ad un Papa conservatore e non accetta i soldi del sistema.



Puoi votare altri articoli anche in questa pagina.
Share this page


Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci commento