lunedì 19 settembre 2016

Totò maschera Pirandelliana©

di Pierfranco Bruni©



Bruni: “… è sempre doloroso perdere chi pensa di volerti bene ed è triste perdere chi pensa di rispettarti. Ma si tratta soltanto di un pensiero…”.


Scanno ha celebrato Pirandello avviando una discussione su Antonio De Curtis (ovvero Totò). Giulio Rolando, che ha coordinato il Convegno pirandelliano scannese con la proiezione del Video di Anna Montella dedicato al mio “Pirandello. Il tragico e la follia” (nemapress), ha rilanciato con la mia relazione e gli interventi di Neria De Giovanni e Paolo De Nardis, le celebrazioni su Totò fissate tra Napoli e Scanno per i 50 anni della scomparsa. 

Totò: “Era un uomo così antipatico che dopo la sua morte i parenti chiesero il bis”, la maschera e l’ironia. Totò ha segnato un tempo che lega Pirandello e Eduardo De Filippo. L’ironia che si fa riso – sorriso. Un concetto profondamente pirandelliano: “Di notte, quando sono a letto, nel buio della mia camera, sento due occhi che mi fissano, mi scrutano, mi interrogano, sono gli occhi della mia coscienza”. “La mia faccia non mi è nuova, ce l'ho da quando sono nato”. 

Totò e Pirandello hanno creato maschere. Eduardo De Filippo ha messo sulla scena la sua maschera. Pirandello ha creato personaggi. Scarpetta ha vissuto il personaggio e la maschera. Totò ha realizzato la teatralità e il cinema come maschera e come personaggio.

Totò a 50 anni dalla scomparsa, ovvero Antonio de Curtis nel personaggio esemplare di Totò. 

L’ironia e la poesia sono un colloquiare tra le linee del sorriso – consapevolezza del sogno tragico. Un personaggio complesso. Un attore mai attore sul senso tout court del termine, ma personaggio che recita la vita. O meglio che lascia che la vita si rappresenti nella sua sfaccettatura con le maschere e con gli specchi. 
Non c'è l'umorismo filosofico pirandelliano nel suo dire e nel suo essere come umorismo di sorrisi vani. L'umorismo nella ironia tragica del quotidiano, (cfr. anche Petrolini), vivere è già oltre il riso - sorriso, ma è anche consapevolezza del senso inquieto del vivere. 
Intorno alla figura di Totò, al personaggio Totò, ci sono dimensioni teatrali, letterarie e chiaramente cinematografiche. Ma Totò nasce nella letteratura. Il Totò poeta e drammaturgo. Ovvero nei linguaggi e nella gestualità di un pirandelliano modello in cui sembra incrociare Ionesco e Kafka. O meglio l'assurdo e l'enigma. 
È un dato letterario di non poca rilevanza sino a toccare uno scrittore italiano che è sulla linea del "gioco" fittizio e reale della vita - letteratura: Tommaso Landolfi. Landolfi e il gioco. 
È chiaro che Totò incarna la "napoletanità" nella gestualità, e nel linguaggio poetico, di Eduardo Scarpetta. Ma Napoli è il centro della recita trecentesca e barocca e rivoluzionaria. 
La napoletanità è la "bufera" della metafora nerudiana della maschera di Troisi, ma è anche l'eccezionale messa in scena del salotto Serao e delle gesta di Eduardo Scarfoglio, inquieto esploratore dei mondi sommersi e viaggiatore elettrizzante - estetizzante con D'Annunzio, che intreccia la scena, la ribalta, il retroscena. 
Totò, comunque, conosce l'incastro sottile e letterario che si vive tra il Pirandello della maschere muse nude e Eduardo De Filippo nel suo equilibrio di un riso terribilmente ironico inquieto. 
Come Pirandello non è essenzialmente teatro dell'umorismo, ma dell'ironia tragico, Totò rappresenta il sorridere nella consapevolezza della tragico nella solitudine delle vite. E non è solo cinema. Credo che bisogna partire da un "ritaglio" di fondo che è quello letterario. 

Non c'è uno spartiacque definito tra Pirandello De Filippo Totò e Eduardo Scarpetta. È la recita propriamente mediterranea sicula - campana alla quale aveva dato un forte contributo Giovanni Boccaccio nel suo abitare luoghi e personaggi napoletani con una Fiammetta popolano. 
Totò in fondo conosce molto bene questi ruoli e queste appartenenze e rende il tutto in una intelaiatura in cui il linguaggio e la fisicità dei gesti restano fondamentali. 
Totò crea un linguaggio rompendo tutti gli schemi semantici. La sua è propriamente una lingua non solo popolare ma ironico - aristocratica. Può sembrare strano ciò. Ma il popolare e il nobiliare sono parte integrante di quella "livella" che è la filosofia del quotidiano. 
Per questo credo che non si può prescindere da una visione letteraria in cui la lingua e il linguaggio dei gesti e delle forme sono rappresentazione di una estetica dei personaggi, del personaggio Totò e dell'uomo Antonio de Curtis. 
Certo, ritornerò a scrivere e a parlare in più occasioni su Totò, Antonio de Curtis (per abbreviazione perché i titoli e i nomi sono molti), e su questi percorsi. 
Totò era nato a Napoli il 15 febbraio 1898 e morto a Roma il 15 aprile del 1967. Un personaggio oltre la maschera stessa. Sempre nostro ironico e italico contemporaneo. L’ironia tra umorismo e tragedia di Pirandello è dolorosa consapevolezza in De Filippo. Resta sempre maschera in Scarpetta e in Totò è il sorriso del senso tragico. Totò: “L'ignorante parla a vanvera./L'intelligente parla poco./'O fesso parla sempre”. Totò non una maschera ma un personaggio!



Puoi votare altri articoli anche in questa pagina.
Share this page


Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci commento