venerdì 15 luglio 2016

14 Luglio 2017©


Di Roby Guerra©




Nizza 14 luglio 2016... solo alcune parole, quando ogni parola suona vuota e inutile, dopo l'ennesima tragedia di matrice terroristica islamica in terra di Francia, nelle celebrazioni ieri sera della Presa della Bastiglia, data fondante della civiltà moderna.
Ecco una semplice poesia come solidarietà alla Francia, alla Città di Nizza, ai francesi, ai liberi esseri umani di diverse nazioni, non solo francesi, molti veristranieri, molti bambini, ultime vittime della follia terroristica, sperando siano le ultime in senso assoluto.
P.S. *Vaffanculo NEUROPA E ITALIA SAUDITA!

14 luglio 2017

C'era una volta, un secondo luce fa
la Morte nella Terra della Libertà
Ninna Nanna Voltaire zero uno

Oggi REGENERATION! RENAISSANCE

Noi celebriamo la rivoluzione umana
nelle città terrestri

Benvenuto Oceano Maometto!
strilla baby Rimbaud
Bisogna essere assolutamente moderni e liberi
strillano i nuovi poeti di 7 anni

Brilla nel Firmamento del 14 luglio 2017
l'arcobaleno
da Nizza 2016 a New York 2001

Oggi 14 7 2017 e domani e per sempre
La statua della libertà è diventata viva
e sconfigge la Morte!





Chiediamo ufficialmente al Comune di Ferrara, prima di andare in vacanza, di dichiarare ufficialmente una giornata di lutto cittadino come solidarietà alla Francia e alla città di Nizza, ultima veravittima del terrorismo necrofilo islamico. Tale azione ufficiale del Comune sarebbe culturalmente, politicamente, mediaticamente un segno almeno simbolico di nuova sicurezza anche a Ferrara, minacciata sempre più dal degrado, piaccia o meno, multietnico. Un segno anche di evoluzione ufficiale di analisi concreta storica di quel che sta capitando nel mondo, ostaggio ormai del terrorismo, piaccia o meno, islamico. Un segno anche per una città dove l'informazione indugia su altalene o percezioni o taxisti presunti razzisti o su sedicenti portavoce "afro" , mentre contemporaneamente ancora una volta dalla Francia arrivano notizie di massacri isislamici, come discutere di Topolino mentre nel mondo circolano degli Zombies concreti. Se il Comune di Ferrara non ritiene necessaria un'azione istituzionale del genere come proposta, in controluce sarà la prova diretta, in una città dove ogni grande tragedia storica è sempre retoricamente celebrata, persino il parto cesareo della madre di Stalin con una iperbole, di una gestione politica "culturale" ambigua e inquietante; vorrà dire, alla luce già di certa ben nota troppa enfasi conclamata buonista e benista che caratterizza il Comune di Ferrara e certa stampa e certa Intellighenzia, che - come i principali esecutori degli ultimi massacri islamici in Francia sono diversamente francesi di seconda e terza generazione, quindi i terroristi concreti in Francia li hanno in casa...- che anche qua a Ferrara, in questo caso simbolico ma non di meno inquietante, il virus terrorista esistenziale e urbano diversamente ferrarese è tra noi! *Chi vuole aggiungere la propria firma la aggiunga in commenti

ROBY GUERRA

Puoi votare altri articoli anche in questa pagina.
Share this page


Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci commento