venerdì 3 giugno 2016

Destrutturazione©

Di Fabrizio Raccis©




Ho un cuore di vetro
appeso al petto,
un chiarore subacqueo
nell'occhio aperto.
Sono riverso
In ogni verso,
e tu sei dentro quest’aria
cavallo libero
di scatenarti nel pensiero.
Diavolo scaltro
chimera in agguato
mi muovo scaltro
nella tua tela.
Dio vede nelle mie pupille
Il disumano gelido,
la destrutturazione del corpo
e dello spirito.
Ho un cuore di vetro
appeso al petto,
un chiarore subacqueo
nell'occhio aperto.


Puoi votare altri articoli anche in questa pagina.
Share this page


Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci commento