giovedì 19 maggio 2016

S'aprono sul ventre screpolature©

di Mirko Servetti©


S'aprono sul ventre screpolature
come le traiettorie sui calanchi
logorati dalle acque sempre bianche,
e bianche si svolgono le scritture
quando le ninfe, assolte per sempre
da colpe inscritte sui tremuli fianchi,
trovan rifugio agli atlantici banchi
di nebbie diffuse a fine settembre.

Umido muove i crepuscoli lattei
bianco imprendibile al cenno dell'alba,
d'alba sognavo la sfera sorgente
folle e agghiacciante rispetto a quei plumbei e
sterili ardori da cui ancor si salva
l'umile bacio, suspiro fremente

Puoi votare altri articoli anche in questa pagina.
Share this page


Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci commento