martedì 12 aprile 2016

Idillirio@

Di Fremmy@


Foto di Fremmy@


Un bisbiglio dell'odoroso gracile lenzuolo,

lacrime sulla riva destra del funambolo

arcipelago di voci e suoni adorni,

festa alle fate, lutto al verde che giace.

Arancio era il fendente acuto, spinose

le code intrecciate di pensieri e lodi.

Il passo ed il tumulto odono il silenzio

del tramonto senza pallore d'inferno,

veli e fracassi galopparono il ruscello,

una mente affannosa che decifra algoritmi

e passeggiate al sole, tutto come fu.

Mormora il picchio nel bosco, ed intanto

il germano fagocita un concetto nel prato.

Polverose le frecce giungono al tronco,

ed il petto deride la siccità di nuvole.

Un sospiro, due bicchieri ed un soffitto.





Puoi votare altri articoli anche in questa pagina.
Share this page


Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci commento