giovedì 24 marzo 2016

L'Italia è sicura? V come Vaticano©

Di Mary Blindflowers©




Minaccia terrorismo. I politici italiani rassicurano, parlano di rafforzamento delle misure di sicurezza.
Il termine rafforzamento presuppone che si rinforzi ciò che già esiste.
Facciamo un esempio. Avete mai preso la metro B a Roma nell'ora di punta? Ebbene, io sì, spesso, e vi garantisco che la sicurezza non c'è, non è mai esistita. Molti utenti non hanno nemmeno il biglietto, poi potete trovare di tutto dal nomade che suona la fisarmonica e vi chiede i soldi, magari accompagnato da un minore, per suscitare pietà, al tipo che urla e sbraita contro il governo ladro, allo scoppiato che occupa tre posti, sdraiandosi bellamente sui sediolini e dormendo come se stesse nel salotto di casa sua, una fiumana di gente in piedi pressata come sardine sotto scatola, boccheggiando per prendere aria. Davvero confortevole. Se non funziona l'aria condizionata, sparata generalmente a palla in tutte le direzioni, d'estate potrete godere di una sauna gratis, compresa nel prezzo del biglietto. Tante volte ho immaginato cosa potrebbe succedere se un kamikaze imbottito di esplosivo si facesse saltare in aria in quelle condizioni.
Una strage, credo.
Vi siete mai chiesti come mai i terroristi hanno preferito attaccare Parigi e Bruxelles anziché una città insicura come Roma?
La risposta è V non come vendetta ma come Vaticano.
Molti sunniti radicali fanno affari d'oro con Santa Madre Chiesa Cattolica Romana.

Un piccolo esempio tra tanti?

L'Ospedale Mater Olbia, in Sardegna, di cui i giornali hanno pubblicizzato caldamente il reparto di telemedicina è un esempio di affari tra sunniti e Vaticano. Di chi è infatti questo ospedale? Della Qatar Foundation, ma la società di gestione è divisa in due quote: 40% al Vaticano, 60% all'emiro Al-Thani, del Qatar, vicino alle correnti radicali islamiche. 

Papa Francesco si affaccia dal suo balcone per dire no alla guerra e poi fa lucrosi affari con i simpatizzanti delle frange radicali? 
Questa si chiama coerenza e fede in dio.
Ecco perché i terroristi non attaccano Roma, si inimicherebbero i sunniti che fanno affari megamiliardari col Vaticano, non sarebbe una mossa politicamente intelligente.
Su questo si basa la sicurezza interna dell'Italia, sul fatto che i terroristi non hanno interesse ad inimicarsi i sunniti che li appoggiano.
Ma tutti possono sbagliare, perfino i terroristi. La sicurezza dell'Italia si basa sulla speranza che i radicali non sbaglino la loro strategia e sul fatto che, al fin della ripresa, l'Italia, nello scacchiere internazionale, è un due di picche rispetto ad altre nazioni europee più importanti.
Quindi continuate a guardare le stelle, sperando che il Dio degli affari vi salvi la pelle.
Amen.






Puoi votare altri articoli anche in questa pagina.
Share this page


Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci commento