domenica 3 gennaio 2016

Non fermarti©

Di Gabriel Lure©




Imbocco l'eternità col volo d'un attimo
nessun angelo
non c'è traffico
nessuna luce
niente rumore
a volte pare di varcare il sole
ma è orizzonte privo di fonte
accarezzo il vuoto respirando il cielo
quasi arriva l'asfalto ma resto sereno
i ricordi prendono il posto dei pensieri
e ti riscopri bambino ad imparare sentieri
mentre tutti guardano il volo
io sorrido e resto solo
in quel momento d'eternità assente
non c'è ancora Dio
la speranza si slega come nuvole in cancrena
non c'è dolore né posto per la rassegnazione
tutto perde tono e  ritrova il suo equilibrio
comprendi che ci sono tasselli del mosaico nel vuoto
e poi ti sfracelli mentre gli altri pensano agli uccelli
ai gatti ai topi alle foglie
tu ti dimentichi e diventi sole
orizzonte eterno amore padre madre fratello
quando caleranno il velo sul mio corpo
schizzi di saranno orme per il mondo
solcheranno la mia strada finita
ora comincia la vita
ecco il sogno s'è svelato
l'imbroglio dalla culla alla fossa
s'è soli al mondo di merda
mentre baci un'altra sigaretta
lasci la strada in fretta
budella secondarie lontane dal mondo reale
 non fermarti
non guardare nessuno
tutti sfrecciano solo
per osservare



Puoi votare altri articoli anche in questa pagina.
Share this page


Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci commento