sabato 8 novembre 2014

La chiara visione©

Di Paolo Aldrovandi



La chiara visione delle tue forme
è musica a tutto volume che mi bacia
e trema con note vibrando nervi
e tendini che si occupano di me
come una madre lontana
che andavano fieri a cuore scalzo
in connessione combinata
aggrappati al gancio da macello
che tiravano carrozze full-time
lungo binari di organi in attesa
e di partenze razzo verso praterie
e ora che le tue forme sono mani
mi derubo dell’aria malsana
lasciata marcire per anni
e ti dono un nulla che sa di niente
con aspettative dal volto celeste
che mi tirano zappe sui piedi
nel risucchio mentale notturno
infilando note tra denti stanchi
che sciolgono sonniferi
durante passaggi di coperte
al freddo del privato inverno

e la salvezza si avvita occhi
su perni acciaio a forma fallica
del perenne sull’attenti ci siamo
e fabbrica un sogno da regalare
e stende tappeti su cui sedere
parcheggiando il silenzio alle spalle.

Puoi votare altri articoli anche in questa pagina.
Share this page


Nessun commento:

Posta un commento

Inserisci commento